La vita che vorrei . Ogni giorno prendiamoci cura di noi stesse.

Passeggiando ho letto l'insegna di un negozio " Le mani che vorrei" ed ho pensato ma sono cosi sicura di volere delle mani in perfetta manicure ? o desidero altro? oggi i saloni di manicure sono strapieni per prendere un appuntamento da un estetista ci  vuole un mese .....

Niente da dire per carità, sono la prima a farne uso quando ne ho voglia, ma come donne siamo davvero sicure che prima della manicure abbiamo davvero assolto a prenderci cure dei nostri bisogni profondi ?

Spesso dietro un  momento che ritagliamo dall'estetista c'è un tempo necessario di cui abbiamo bisogno e di cui  spesso le donne si privano per prendesi cura degli altri, per primi i figli, poi il marito, anzi no prima la casa ... insomma come la mettiamo: noi stesse veniamo sempre dopo.

Eppure negli anni ho sperimentato su me stessa che esiste un modo di vivere la vita, come  appunto  ho sempre desiderato in cui la cura dell'altro è cura di me perché prendermi cura dell'altro è nel mio desiderio e piacer di farlo, dove l'altro non è più un obbligo ma un vero e proprio piacere e questo magicamente apre le porte a quel pizzico di felicità che tutti desideriamo sparpagliare nelle nostre giornate.

Sembra che ormai ritagliarsi dei tempi con delle barriere definite e rigide sia l'unico modo per non farsi assorbire, ma esiste un modo di vivere la propria vita che va oltre i rigidi schemi imposti dalle nostri madri e nonne, un modo che è quello di desiderare pienamente ciò che si ha e che si fa ... allora sono certa che il senso estetico dove per estetico in questo caso mi riferisco ai canoni ultimi imposti dalla società può essere si vissuto ma solo come un di più spesso anche futile e di cui si può fare a meno.

Non sono esattamente le cose materiali o che possiamo avere o fare che ci rendono felici ma è una predisposizione interna che ci permette di vivere il mondo con i nostri reali occhi, con il  nostro sguardo, con il  ME STESSO profondo.

Ma per poterlo fare è necessario liberarsi dalle zavorre del passato che ci impediscono di esprimerci appieno. Molto spesso ho incontrato come fosse difficile per le donne essere felici perché il loro benessere era associato al sentirsi in colpa!

Quante donne vivono solo e prettamente inseguite dai sensi di colpa ? ma credete davvero che offrire la vostra vita in sacrificio renda i vostri figli felici ? o che sia davvero un bene ?

Offrire un esempio reale e vero di unicità della propria vita, non improntata al sacrificio benché intrisa di responsabilità  è un modo per lasciare traccia nei propri figli di amore e di quell'amore che avranno bisogno di generare a loro volta verso se stessi.

Ognuna di noi ha una figlia di ci prendersi cura, se stessa e nessuno lo farà per lei specie ora che si è adulte.

La vita che vogliamo parte dalle piccole cose, dal giorno per giorno cose come: rispettare di più il proprio corpo se si è stanchi o si ha bisogno di cure, scegliere quello che ci piace piuttosto che quello che si pensa essere giusto, scegliere il modo più buono per dire le verità anche più sgradevoli ma dirle comunque, farsi rispettare quando qualcuno invade i nostri spazi o ci calpesta; se lasciamo che ogni giorno qualcuno entri a derubarci non avremmo più nulla da offrire; se ogni volta che qualcuno proverà ad entrare senza il nostro permesso gli daremo un deciso NO i nostri frutti e fiori migliori saranno preservati e gli altri impareranno a rispettarci conoscendo il nostro limite.

Commenti