5 gennaio 2012

L'amore, quando diventa un ossessione

Quanti si sono chiesti quale sia il vero amore ? se quello che provano per la persona con la quale si trovano legati sia il giusto sentimento per la costruzione di un rapporto duraturo ? quanti si trovano in conflitto tra più sentimenti che passano dall'amore all' odio oppure nella faticosa decisione se lasciarsi o meno. Nella mia vita e nel mio lavoro ho incontrato tantissime situazioni e posso dire che sempre di amore si tratta, ed ognuno ha il diritto di scegliere per se stesso l'amore che ritiene amore. I problemi nascono quando una persona inizia a non trovare più soddisfacente quello che fino a quel momento ha ritenuto idoneo alla propria vita; è in questa delicata situazione che molti si recano da uno psicologo cercando a volte una risposta, a volte un sostegno in un processo di cambiamento. Oggi la situazione amorosa e di coppia è sempre più intricata esistono le coppie di fatto, i coniugi, le coppie omosessuali, in una società in cui permangono tradizioni e innovamenti; una situazione complessa in cui spesso si perdono i limiti e confini alla propria azione; si cerca di definire quello che è giusto e quello che è sbagliato non trovando mai una serenità interiore. A volte l'amore diventa ossessione, impossibilità di vivere senza l'altro, e si attuano controlli infiniti passando da facebook, agli sms sul cellulare, ai luoghi di ritrovo; si vivono relazioni senza dialogo spesso basate su presunti messaggi che l'altro ci lancia, crediamo in uno slancio eterno dell'amore nonostante l'altro sia lontano o ci ferisca, talora scoprendo amaramente che l'altro ha intrattenuto relazioni con altre persone e nonostante questo ci ferisca non è sufficiente a porre un limite al nostro amore e giustifichiamo tutti i comportamenti dell'altro. Quanto detto può succedere sia agli uomini che alle donne, siamo capaci di annularci, deprimendoci e soffrendo in solitudine. Chi sta provando questi sentimenti deve sapere che ci sono altre strade per amare e per iniziare ad amare se stessi, e spesso è utile un aiuto psicologico per uscire dal circolo autodistruttivo che ci si è creati.

Nessun commento: